Paolo BENELLI e l'Energia


Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono.


Poi vinci.


Mahatma Gandhi (Mohandas Karmchand Gandhi)

 

Siamo sempre più convinti che il panorama scientifico italiano abbia una grossa pecca, quella di non accettare in nessun modo la possibilità che fuori ci sia "altro" da sondare e qualcuno che merita di essere ascoltato per le sue innovative intuizioni.
O segui i binari o sei fuori. O segui i binari o nessuno ti lascerà salire sul treno. Il treno è quello delle possibilità e della visibilità per poter dire alle persone che c'è un nuovo modo di vedere le cose.
• Parlando di fisica quantistica ci sono scienziati e ricercatori (spesso provenienti dal mondo accademico) che valutano il possibile impatto di queste teorie sul quotidiano.
Appena provano a renderlo pubblico o solo a parlarne arriva subito il monito della scienza: "sono bufale, queste teorie non servono a nulla e non hanno nulla di scientifico".
• Quando medici e ricercatori (che spesso lavorano anche in ambito ospedaliero) provano ad uscire allo scoperto con intuizioni, scoperte fatte sul campo o con teorie che sovvertono il protocollo medico, vengono bollati come "ciarlatani" e minacciati per la loro carriera.
• Quando parliamo di coscienza, di mente e di anima, con esperti del settore che da anni studiano e fanno ricerca nel campo delle frequenze emesse dal cervello, immediatamente siamo bollati come gli spiritualoni di turno, quelli che meriterebbero un posto solo nella classifica della new age musicale anni '80.

________________________________________

Cosa sta succedendo?
Semplicemente quello che è sempre successo. Se dici qualcosa di nuovo inizialmente non ti crede nessuno, poi vieni deriso (un tempo addirittura punito o messo al rogo) e poi ostacolato in ogni modo.
Anche Gandhi lo aveva capito, tanto che una delle sue frasi più conosciute è l'intestazione  scritta in alto.